Città di Torino, turismo Torino e Provincia, costo del biglietto: intero 12, ridotto.
La mostra dal titolo.
Enti promotori: Direzione Regionale del mibact del Polo Reale di Torino.Oltre alla nota opera di Leonardo da Vinci, fanno parte dellesposizione ottimi esempi della grafica di artisti del Rinascimento toscano e veneto, quali Francesco di Giorgio Martini e Marco Zoppo; un foglio attribuito alla fase giovanile di Raffaello e diverse opere di alcuni tra.Per migliorare la conservazione delle collezioni e per rendere fruibile il patrimonio storico-artistico della Biblioteca, sono stati integralmente ristrutturati i depositi interrati per consentire il raddoppio degli spazi espositivi, rispondendo alla vocazione museale della Biblioteca, vera.La realizzazione del nuovo spazio è stata finanziata dalla Compagnia San Paolo, taglie jeans sisley Fondazione CRT e da Consulta e si inquadra nel vasto progetto del Polo Reale di Torino, promosso dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte. .Il progetto mostre virtuali nasce dalla volontà della Biblioteca Reale di Torino di avere uno spazio online per catalogare e pubblicare sul web le opere presenti nelle mostre in corso, passate o in programma.Il costo del biglietto è di 12 euro.Esposti, fino al, ci saranno anche numerose opere di diversi altri artisti, tra i quali.Due sono le edizioni antiche delle Vite custodite nella Biblioteca Reale : la prima è un esemplare di quella stampata a Firenze da Lorenzo Torrentino nel 1550.Ovviamente, tra questi non poteva mancare il celebre.In mostra inoltre una selezione di oltre quaranta disegni italiani del '400 e del '500, corrispondenti ad altrettanti artisti citati da Giorgio Vasari nelle sue Vite, vero e proprio fil rouge dellesposizione.Wunderkammer, voluta da Carlo Alberto, artefice di acquisizioni importantissime.La mostra, curata dalla direttrice dei Musei Reali Enrica Pagella, da, francesco Paolo di Teodoro e da Paola Salvi, sarà realizzata in collaborazione con il Politecnico e le Università torinesi, con il sostegno del Comune e della Regione.La mostra è stata allestita sia nello straordinario salone realizzato nel 1837 dall'architetto di corte Pelagio Pelagi, sia nei due caveau del piano interrato: la Sala Leonardo e il nuovo spazio espositivo, inaugurato proprio in questa occasione.Dal 30 ottobre e fino al torinesi e turisti potranno ammirare, presso.Il 2019 sarà l anno leonardiano e, torino, come tante altre città dItalia e del mondo, si prepara ad accogliere questo grande avvenimento con tanti eventi: mostre, incontri, conferenze e tanto altro.Lesposizione è anche loccasione per dare il via alle celebrazioni che nel 2019 ricorderanno Leonardo a cinquecento anni dalla sua morte, una tappa di avvicinamento attraverso la quale si intende valorizzare e approfondire il contesto allinterno del quale si muoveva il Maestro.La collezione della Biblioteca Reale offre unampia panoramica della storia dellarte italiana a partire dal Quattrocento, con alcune punte che ne fanno una delle più importanti collezioni pubbliche di disegni in Italia.In tutto, alla mostra torinese che celebra lanno leonardiano saranno esposte 50 opere che raccontano la ricerca.
Torna visibile al pubblico uno dei tesori più preziosi custoditi allinterno dei Musei Reali di Torino: viene infatti esposto presso la Biblioteca Reale il celebre Autoritratto di Leonardo da Vinci, insieme a parte della straordinaria collezione di disegni frutto degli illuminati acquisti del.
Il pubblico infatti potrà finalmente rivedere l'Autoritratto che per l'ultima volta fu esposto alla Venaria Reale nel 2011 in occasione della mostra "Leonardo.



Disegnare il futuro con protagonista lAutoritratto del genio fiorentino sarà ospitata nelle sale della Galleria Sabauda dal 15 aprile, giorno della nascita del grandissimo artista e scienziato.
Rendere visibile l'Autoritratto di Leonardo è un fatto di grande valore: finalmente si può pensare di trasformarlo in un'icona simbolo per la nostra città ".

[L_RANDNUM-10-999]