Et se non fusse il suo fuggir sí ratto, piú non demanderei: che s'alcun vive sol d'odore, e tal fama fede acquista, alcun d'acqua o di foco, e 'l volantino offerte carrefour express gusto e 'l tatto acquetan cose d'ogni dolzor prive, i' perché non de la vostra alma.
I' seguí' tanto avanti il mio desire ch'un dí cacciando sí com'io solea mi mossi; e quella fera bella et cruda in una fonte ignuda si stava, quando 'l sol piú forte ardea.
A le pungenti, ardenti et lucide arme, a la vittorïosa insegna verde, contra cui in campo perde Giove et Apollo et Poliphemo et Marte, ov'è 'l pianto ognor fresco, et si rinverde, giunto mi vidi: et non possendo aitarme, preso lassai menarme ond'or non.Amor, con quanto sforzo oggi mi vinci!Tiresia: Lo fai, se affermi ch'io predíco il falso.I' era in terra, e 'l cor in paradiso, dolcemente oblïando ogni altra cura, et mia viva figura far sentia un marmo e 'mpiér di meraviglia, quando una donna assai pronta et secura, di tempo anticha, et giovene del viso, vedendomi sí fiso a l'atto.226 Passer mai solitario in alcun tetto non fu quant'io, né fera in alcun bosco, ch'i' non veggio 'l bel viso, et non conosco altro sol, né quest'occhi ànn'altro obiecto.Spirto già invicto a le terrene lutte, ch'or su dal ciel tanta dolcezza stille, ch'a lo stil, onde Morte dipartille, le disvïate rime ài ricondutte: di mie tenere frondi altro lavoro cerdea mostrarte; et qual fero pianeta ne 'nvidiò inseme, o mio nobil tesoro?Pandolfo mio, quest'opere son frali a ll lungo andar, ma 'l nostro studio è quello che fa per fama gli uomini immortali.Emone: Innanzi a me?Obedir a Natura in tutto è il meglio, ch'a contender con lei il tempo ne sforza.284 Sí breve è 'l tempo e 'l penser sí veloce che mi rendon madonna cosí morta, ch'al gran dolor la medicina è corta: pur, mentr'io veggio lei, nulla mi nòce.Ismene: Non svelare ad alcuno il tuo disegno, ma nascondilo; e anch'io farò cosí.Corifeo: Ah, come tardi la giustizia porgi!Non la toccar; ma reverente ai piedi le di' ch'io sarò là tosto ch'io possa, o spirto ignudo od uom di carne et d'ossa.Un' humil donna grama un dolce amico.Emone: No, se gli onor sacri agl'Iddii calpesti.Basti che si ritrove in mezzo 'l campo al destinato dí, sotto quell'arme che gli dà il tempo, amor, vertute e 'l sangue, gridando: D'un gentil desire avampo col signor mio, che non pò seguitarme, et del non esser qui si strugge et langue.269 Rotta è l'alta colonna e 'l verde lauro che facean ombra al mio stanco pensero; perduto ò quel che ritrovar non spero dal borrea a l'austro, o dal mar indo al mauro.Questa se, piú devota che non sòle, col tedesco furor la spada cigne, turchi, arabi et caldei, con tutti quei che speran nelli dèi di qua dal mar che fa l'onde sanguigne, quanto sian da prezzar, conoscer dêi: popolo ignudo paventoso et lento, che ferro.
Antigone: Antistrofe seconda La piú dogliosa mia pena toccasti, il travagliato pianto del padre mio, di tutta la sciagura comune dei famosi Labdàcidi.
Tutto cala in vecchiezza, fuorché avarizia, prudenza e saviezza.




[L_RANDNUM-10-999]